10




Settembre 1798           
 Settembre 1798                                                      audio off-line

L’éa de stč
e a nötte a l’éa coda,
u mé pŕize u durmiva.
Silensiu de borche in sciâ spiaggia
e rémme apôsč
dóppu a pésca abundante.
Gh’éa a lüńa cue stélle
e i figiö s’asünňvan
tütti i zöghi du giurnu
ŕ pirati
ŕ indiňni
ŕ trentün.
E figétte strenzŕivan bugatte
e dau lau gh’éa a mamma cű babbu.
Tütt’asémme finisce l’incantu.
I pirati nu en ciü intu sönnu,
en vegnüi pe destrügge stu pŕize,
en vegnüi ŕ scangiň a só stória.
Sulu puěa inti öggi de tütti,
sulu centu de dónne
de ómmi.
I pirati s’ai pěgian
e s’ai pórtan luntan
cue só borche viliŕcche.
Nu l’č fua che ve cuntu,
u l’č ‘n fetu sucessu.
L’č pasŕu tanti anni
ma ógni tantu ghe pensu.
Quanti belli regalli
u n’ha fetu stu mň,
quélla nötte
u ciü sussu.

Era estate
e la notte era calda,
il mio paese dormiva.
Silenzio di barche sulla spiaggia,
i remi posati
dopo la pesca abbondante.
C’era la luna con le stelle
e i bambini sognavano
tutti i giochi del giorno
a pirati,
a indiani,
a nascondino.

Le bambine stringevano bambole
e accanto c’era la mamma col babbo.
All’improvviso finisce l’incanto:
i pirati non sono piů nel sogno,
sono venuti per distruggere questo paese,
sono venuti a cambiare la sua storia.
Solo paura negli occhi di tutti,
solo pianto di donne
di uomini.
I pirati se li prendono
e se li portano lontano
con le loro barche vigliacche.

Non č favola che vi racconto,
č un fatto successo.
Sono passati tanti anni,
ma ogni tanto ci penso.
Quanti bei regali

 ci ha fatto questo mare,
quella notte
il piů brutto.