8 La nöc' ad Natàl audio La notte di natale

In ricòrd cun che giòia e cun che piazì
I spiciàva al dì Natàl, quànd séva maznà, 
Perché al Bambìn an dus e an früt candì 
An purtàva, e líéra na gran bèla giurnà!

Ai mè temp a mezanöc'  iéra al Bambìn, 
Adès iíè níOm cun la bàrba vistì ad rus,
Ca 'l gìra sémp dla séra a la matìn 
Cun an sac pin ad tanc' bèi rigàl custùs. 

La nöc' ad Natàl la céza as prezentàva
Pìn'a a líinverusìmil, cun níaspèt grandiùs,
E an bèl incànt la mént tüta la ciapàva,
Antal cör at sintìvi quaicòs ad misteriùs.


Mi ricordo con quale gioia e con quale piacere
Aspettavo il giorno di Natale quando era un ragazzo,
Perché il Bambino un dolcetto ed un frutto candito
Mi portava, ed era una gran bella giornata!

Ai miei tempi a mezzanotte cíera Gesù Bambino,
Adesso cíè un Uomo con la barba vestito di rosso
Che gira sempre dalla sera alla mattina
Con un sacco pieno di bei regali costosi.

La notte di Natale la chiesa si presentava
Piena allíinverosimile, con un aspetto grandioso,
E un bellíincanto tutta la mente prendeva,
E nel cuore sentivi qualche cosa di misterioso.

La gént  anti banch ansèma la cantàva
Cun al so Vicàri díla vus sgargaiénta,
E al cant antíla céza al rimbumbàva, 
E al saliva su per la nòc bela sclenta.

Ai rè màgi, a la stéila che lasü la brilàva,
A San Giüzèp, a la Madòna, al Bambìn 
Che a líéra nasì antíla stàla, mi pensàva.
Pensàva a la stòria dal Guerìn Meschìn,
Ma tüt cuntént cuni öc' dùert sugnàva 
Che sùta al cüsìn i avrìa truvà an dusìn!

Adès chi sun diventà grand jù tànta bòria
E jù pü mìa ad bun séns e niénti  giudìsi,
I cur da près chisà che vàna glòria.
Qualsìasi ròba che al pöd ufrìmi la furtün'a
I fac sémp tanti stòrji e tanc' brüt caprìsi. 
Völ pü n*n i dusìn, ma adritüra la la lün'a!


La gente nei banchi cantava insieme
Con il proprio Vicario dalla voce stridula,
E il canto rimbombava nella chiesa,
E saliva su nella notte luminosa.

Ai re Magi e alla stella che lassù brillava,
A San Giuseppe, alla Madonna, al Bambino
Che era nato in una stalla, io pensavo.
Pensavo alla storia del Guerrino Meschino,
Ma tutto contento con gli occhi aperti sognavo
Che sotto il cuscino avrei trovato i dolcetti!

Adesso che sono diventato adulto, ho tanta boria
E non ho più il buon senso e niente giudizio,
Corro appresso a chissà quale vana gloria.
Qualunque cosa che può darmi la fortuna
Faccio sempre tante storie e tanti capricci.
Non voglio più i dolcetti, ma addirittura la luna!