7 Casìn'a abandunà audio cascina abbandonata

  Da per tüt a l'è carsìji spìn'i,ùrtìi e furatùn,
Ai dròca ai cup e a iè an gir tànta dezùlasiùn. 
La stàla a líé sénsa vàchi,la stèrni sénsa fén, 
Dìnta la purchèra,al purchöt a iè pü nén.
Sùta al puntìl a lè sparìì al nì díla randulìn'a,
Piöv an tal pulé e al gal al cànta pü la matìn'a.

  Ai matucìn che d'istà ai curìvu sü per l'éra,
E  ài curìvu per la campàgna a pé per tèra,
E tüc' biùt an ti fos di rizéri ai fàvu la nàva,
E che d'invèrn i'andàvù giüghé antíla stàla
A ién sparì, ansèma al padrùn, i cavalànt, 
I bargamìn, i manuàl,i mundìn'i e i caminànt.

A l'è pasàj tanc' agn, e tànta pòvra gént, 
A l'éra tüta alégra e cun al cör cuntént
Se i'àva an toc ad salàm e an bicér ad vin
Parché tanc' dì i'àva nén al pan per i matùcin.
 


Ovunque sono cresciute spine, ortiche e cardi selvatici,
Cascano le tegole e in giro c'è tanta desolazione.
La stalla è senza mucche, e il fienile e senza fieno,
Dentro la porcilaia il maiale non c'è più,
Sotto il balcone non c'è più il nido della rondine,
Piove dentro il pollaio e il gallo non canta più al mattino.

I bambini che durante l'estate correvano sull'aia,
E andavano per la campagna a piedi nudi,
E nudi nei fossi delle risaie facevano il bagno
E che díinverno andavano a scaldarsi nella stalla
Sono spariti insieme al padrone, i cavallanti,
I mungitori, i manovali, le mondine e i camminanti.

Sono passati tanti anni e tanta povera gente,
Era tutta allegra e con il cuore contento
Se aveva un pezzo di salame e un bicchiere di vino,
Perché tanti giorni non aveva  il pane per i bambini.
 

Adès che ai mùndu pü nén, ma ài van dizarbè,
As sént díl'a spüsa e pü nén ai mundìn'i canté.
Anca ài lùnghi fìli ad gàbi a ién stac' taià:
La casìn'a a lé vòia, silensiùza e abandunà.

  E süi rìvi a l'é sparìj al prufüm di fiùr.
Fiùr biànchi, giàldi e rùsi, fiùr dài bèi culùr,
Fiùr salvè, e an campàgna a iè pü mìa ad gént
Alùra al magùn an brànca al cör e tüta la mént.

Ma se ai ròbi ai van stòrti e sun pin ad sagrìn,
Cun la piöva o cun al sul, la séra o la matìn,
I ritùrn ant'la casìn'a, e sént canté i mundìni,
Vëg l'èra pìn'a ad gént, e vulé ai rundanìni,
I sént ancùra al prufüm di fiùr dal témp pasà,
E iù voia da giüghé, mè quànd chi séva an maznà.
 

Adesso che non mondano più, ma vanno a diserbare,
Si sente della puzza, non più le mondine cantare,
Anche le lunghe file di salici sono state tagliate:
La cascina è vuota silenziosa e abbandonata.

E sulle ripe è sparito il profumo dei fiori,
Fiori bianchi, gialli e rossi, fiori dai colori belli,
Fiori selvatici e in campagna non cíè più nessuno
Allora il magone mi prende il cuore e tutta la mente.

Ma quando le cose vanno male e sono pieno di malinconie,
Con la pioggia o col sole, la sera o al mattino,
Ritorno in cascina e sento cantare le mondine,
Vedo l'aia piena di gente, e volare le rondini,
Io sento il profumo dei fiori del tempo passato,
E mi viene voglia di giocare come quando ero un ragazzo.