1001 - 1100

1
Ma 'rcmànd,dàuza nén cul tiröt,pö vìsti ca ién lì Mi raccomando,non usare quel cassetto,poi ricordati che sono lì
2
Iö bitòji i tirulòt ant cùla s'ciufàtta Ho messo i panetti di carbone a forma cilindrica in quello scaldino
3
Al tòca butùn ansàmma tüc',bòsta parlò Attacca bottone insieme a tutti,basta parlare
4
Quànd che i bitòvu i ciabòt cun la tmòra a l'éra fàsta grànda Quando mettevamo gli zoccoli con la tomaia era festa grande
5
Al Dròla al purtèva vìa sinc trabichöt ad giòra dal Po al dì Il Drola portava via cinque carretti di ghiaia dal Po al giorno
6
Uò cul trantapürghi Guarda quel trentapurghe (monello)
7
Al péva di trantulùn ca sö nén ma ca 'l fèva sto 'n pé Prendeva degli sbandamenti che non so come faceva a stare in piedi
8
Ià nén moc di trumbùn,ià ancasì dia scurdò Non ci sono solo dei brontoloni ,ci sono anche gli scordati
9
L'è in bal trüciùn E' un bel baro
10
I tugnìn iàn na bàla tàsta düra,ma ànche da nuiòc'  ciulùma nèn,iè zo dal bàli tàsti I crucchi hanno una bella testa dura,ma anche da noialtri non scherziamo,ci sono già delle belle teste
11
A l'ho vri fidòsi ma pö l'ho piò in bal topacül Ha voluto fidarsi ma poi ha preso una bella fregatura
12
Al bastèva piò in turnavìs e 't rizulvìvi tüt Bastava prendere un cacciavite e risolvevi tutto
13
A l'è in plan fòglia cul turùllu E' uno scherzo fargliela a quello stupido
14
Uòrda lun ca tjö fòji,das a tla uàrna Guarda che cosa gli hai fatto adesso te la conserva (si ricorda per vendicarsi)
15
Ti i dévi nén crédit,anvéci a l'ho fòla ùncia Non gli davi credito ,invece l'ha fatta grassa (ha ricevuto di più)
16
Sa 't bütti nén ad l'ùngia at nu fo nén ad racòlt Se non metti della cornunghia non ne fai di raccolto
17
T'è so pi moc n'urcagiùn Sei solo più uno brutto e volgare
18
A l'è zo bàli ùra da tiròla fòra la vantajìn'a E' già proprio ora di tirarla fuori la ventaglina
19
L'è pés di in vantulìn E' peggio di un vaglio meccanico (parla troppo)
20
Ai dan moc a dla varnòja a si bèstji,par fòrsa ca ié a stentòji Danno solo delle erbacce a queste bestie,per forza che sono stentate
21
Ai vo nén dal damigiàn'i par cul lì,ma i vo di vaslòt,l'è sémp ciùc Non ci va delle damigiane per quello lì,ma ci vanno dei tini,è sempre ubriaco
22
A iùma sémp dauzò la véntula ,das ià i sacatòj Abbiamo sempre usato la ventola,adesso ci sono gli essiccatoi
23
Uò che cumbrìcula,ién sarnì cun al lantarnìn Guarda che combriccola,sono scelti con la lanterna
24
Iè moc du ròbi ca ién finìji,l'ünivèrs e la stupiditò ad i ömni Ci sono solo due cose che sono infinite,l'universo e la stupidità degfli uomini
25
Cunfidénsa la fo pàrdi amùr e riverénsa Confidenza fa perdere amore e riverenza
26
Al càmbia moj nén par la pòvra gént,sùma sémp rangiò acma 'l min'stro Depétri Non cambia mai niente per la povera gente,siamo sempre aggiustati come il ministro Depetri
27
Cun i sé e i mo la stòria as fo nén  Con i se  e i ma la storia non si fa
28
Sa sto méj quì din vistì che fòra biùt Si sta meglio qui dentro vestiti che fuori nudi
29
Antla vol Dundùn'a i ambòlu la füm Nella valle Dondona imballano il fumo
30
A i vén sübit la cùa gròsa acmà i got,at pödi mìa razunò cun si elemènt Gli viene subito la coda grossa come i gatti,non puoi mica ragionare con questi elementi
31
T'è nén bun a zvigiòlu,al drom acmà na pìta Non sei capace a svegliarlo ,dorme come una chioccia
32
Sa 't fo cma ca 'l prévi al dis,at vo an Paradìs,ma sa 't fo cma ca 'l prévi al fo,at vo dric' antl'Infàr Se fai come il prete dice,vai in Paradiso,ma se fai come il prete fa,dritto all'Inferno
33
Ciamò ai dìzu ca l'è metò vìvi Chiedere dicono che è metà vivere
34
Duj dübit ai fan na ciartàssa Due dubbi fanno una certezza
35
I parènt e i pës dop trè dì ia spüssu I parenti e i pesci dopo tre giorni puzzano
36
Galìn'a,cunìn'a e agnà,dàuza püra nén al curtà Gallina,coniglio e agnello non adoperare pure il coltello
37
Cun i fiö tutùllu fo i cünt da bén Con i figli tonti controlla bene i conti
38
Se la lün'a la vén i prüm dés dì dal méis,l'è parquà l'è di 's méis lì Se la luna viene i primi dieci giorni del mese è perchè è di quel mese lì
39
I bròji ad téglia e ia mlùn a satémbër ién pi nén bun Le braghe di tela e i meloni asettembre non sono più buoni
40
Fo prëst e bén ai van nén dacòrdi Fare presto e bene non vanno daccordo
41
Amùr ad mòri a l'è in amùr sénsa lìmit Amore di madre è un amore senza limiti
42
Chi ca 'l uòrda i foc' ad i oc' , ca sa zmantìa nén di sö Chi si impiccia dei fatti degli altri , che non si dimentichi dei suoi
43
Bun inquìzu ià gnün martà ca la zbarüa Buona incudine non c'è nessun martello che la spaventa
44
Méj poc al ciàrt che tant inciàrt Meglio poco certo che tanto incerto
45
Scàrsa nén cun l'ùrs sa 't völi nén ca 't mòrda Non scherzare con l'orso se non vuoi che ti morda
46
Dal signùr ai vén'u i gràsji,da nuiòc' ai vénu al dizgràsji Dal signore vengono le grazie,da noialtri vengono  le disgrazie
47
L'ambisiùn l'è cma 'l post,ià gnün lìmit L'ambizione è come il posto,non ha limite
48
Par sìnti dì cul lò l'è nén pròpi a post Per sentito dire quello là non è proprio a posto
49
Duj dì ad vin a ién quòzi in càus al mèdic Due dita di vino sono quasi un calcio al medico
50
Na co sénsa mòri a l'è cma la lantàrna sénsa fiòma Una casa senza madre è come la lanterna senza fiamma
51
Truò da di l'è fòcil  ma bitò 'n pròtica l'è difìcil Trocare da dire è facile ma mettere in pratica è difficile
52
Cuj ca i vànsu a 's nu 'nvìzu ma cuj ca i dévu do a sa smantìu facilment Quelli che avanzano si ricordano ma quelli che devono dare si dimenticano facilmente
53
Al cìtu al fo lunca 'l pöl al gros al fo lunca 'l völ Il piccolo fa quello che può il grosso fa quello che vuole
54
Difàt e suspàt ai còtu la co 'nsàma Difetto e sospetto comperano la casa insieme
55
Sa t'è simpòtic tütti ia stro ién duàrti Se sei simpatico a tutti le strade sono aperte
56
Dùdes galìn'i e in gol ai mòngiu cma 'n cavò Dodici galline e un gallo mangiano come un cavallo
57
Chi sa spùza par a dnè sa spùza rüzji e dì nériu Chi si sposa per denari sposa liti e giorni amari
58
Dal pransìpi a la fin avrìl a l'è moj a stoc' gentìl e pö avrìl scröbti nèn Dal principio alla fine aprile non è mai stato gentile e poi aprile non scoprirti
59
Sa ta t'ùnzi e 't frùcci quàzi tüti i dulùr ia scòpu Se ti ungi e freghi quasi tutti dolori scappano
60
Al barbé al fo mòc bàla la zgröja di 'n sarvà Il barbiere fa bella solo la buccia di un cervello
61
Sa la corn tla fo cözi 'n pràsa tla càmpi vìa màza Se la carne la fai cuocere in fretta la butti via mezza
62
Dop la tampàsta a 's rabòja lùnca l'ho rmagnìji Dopo la tempesta si raccoglie quello che è rimasto
63
Da i öc' a 's nòta se l'ònima l'è vöja Dagli occhi si nota se l'anima è vuota
64
Ja gnün'i àrbi ca i rampìu ca i òbiu gnün'i impurtànsi Non c'è nessuna erba che si arrampica che non abbia nessuna importanza
65
Al fo al misté ca 'l so fo sa 't völi guadagnò Fa il mestiere che sa fare se vuoi guadagnare
66
In caròtor decìs al vol pi tnt che na bàla ghìgna Un carattere deciso vale più di una bella faccia
67
Iè moj gnün ca 's pentìs d'avéj tazì Non c'è mai nessuno che si pente di aver taciuto
68
Spùza bagnòja,dòna furtünòja Sposa bagnata donna fortunata
69
Sa ià 'n pës da spéndi poc la süpa la sort méj Se c'è un pesce da spendere poco la zuppa riesce meglio
70
Tra mog' e giügn ai nos i funs da bèn Tra maggio e giugno nascono i funghi buoni
71
Arcmànd e parzùn ai lòsu l'om cma ca l'éra
72
Bàli o brütti as marìu tütti Belle o brutte si sposano tutte
73
La lün'a cla crös,tòjti nèn i cavöj sa 't völi risparmiò La luna che cresce,non tagliarti i capelli se vuoi risparmiare.
74
Cun al rastà as ciòpa lun ca i do al béil e la sòpa Con il rastello si prende quello che gli dà il badile e zappa
75
Sìa 'l brot che i afè sénsa scüma ién ror Sia il brodo che gli affari senza schiuma sono rari
76
Sa 't fo in piazì al vo nèn pars Se fai un piacere non va perso
77
La ghìgna 'd tòla la cùsta poc La faccia di tolla costa poco
78
La pànsa l'è na màza malatìa La pancia è una mezza malattia
79
I arbiùn cun la pòsta ién moc sulì ca tn'ho so I piselli con la pasta sono solo quello che ne hai abbastanza
80
Sa t'è trop furtinò l'invìdia a l'è 'd co Se sei troppo fortunato l'invidia è di casa
81
Sa 't bütti tròpa cor t'aruìn'i al pulpàtti Se metti troppa carne rovini le polpette
82
Sa ta sto in dì sénsa mangiò at möri nèn Se stai un giorno senza mangiare non muori
83
Témp e dòni pràgni iàn sémp razùn Tempo e donne incinta hanno sempre ragione
84
Al piànzi ad cul ca 'l pìa l'ereditò iè moc in tutùlu ca i cröd Il piangere di quello che prende l'eredità c'è solo uno stupido che gli crede
85
Témp bal o brüt an campògna ai nos tüt tempo bello o brutto in campagna ci nasce tutto
86
Quàn ca iün a l'è ric al völ nén di ca sìa ancasì gentìl Quando uno è ricco non vuol dire che sia anche gentile
87
Sa 't völi vìvi tant màngia poc e camìn'a tant Se vuoi vivere tanto mangia poco e cammina tanto
88
. .
89
La cüzìn'a gròsa la ruìn'a la stòmi La cucina grassa rovina lo stomaco
90
La pulénta pü che ùncia e pü cla va zü cunténta La polenta più è unta e più che va giù contenta
91 . .
92
Dòna da spéndi poc prüma la scapüssa e pö la zgüja Donna frivola (da spendere poco) prima inciampa e poi scivola
93
Al fàsti di mot ià moc di guòj pü che ròbi bàli Alle feste dei matti ci sono solo guai più che robe belle
94
Al can catìv al fo nèn cumpasiùn sa tlu lìji a la chén'a Il cane cattivo non fa compassione se lo leghi alla catenea
95
A tlu gròti ìnta ca i mord Gratti dove prude
96
Dop la tampàsta as rabòja lunca i ràsta Dopo la tempesta si raccoglie ciò che resta
97
Mort al can mort la ròbia Morto il cane morta la rabbia
98
Bütlu an parzùn is toc ad marògna e càmpa vìa la ciòf Mettilo in prigione quel farabutto e butta via la chiave
99
Iün acmà ti l'è ror truòlu anvéci acmà nujòc' al mund l'è bòli pin Uno come te è raro trovarlo invece come noialtri il mondo è già pieno
1100
A gna mìa gnün acmà ti a iàn rut la stamp Non c'è nessuno come te hanno rotto lo stampo