1101 - 1200


1
111111
iè nén
.Non c'è
2
Giügn al dröb al pòrti al giurnò cürti Giugno apre le porte alle gionate corte
3
A gnià moc duj acmà ti,iün l'ho stoc' ruziò dal furmìji e l'ot sa lu brancu ai so nèn che fin ca 'l duvrò fo Ce ne sono solo due come te,uno è stato rosicchiato dalle formiche e l'altro se lo prendono non so che fine che dovrà fare
4
Ghignòdi e pianzòdi ai viògiu ansàma Risate e pianti viaggiano insieme
5
Iàn avrì fòlu cun la stòfa a dla baiòna Hanno voluto rifarlo con la stoffa da poco
6
L'è in bal balìsta al vol nèn in baiòc E' un bel ballista non vale un baiocco
7
Va nan che cul lì a l'ho zo na bàla baséja Ma va là che quello lì ha già un bel mento pronunciato
8
Ma fìtti nén ma 't vàghi nén che barbaròt a dla piciòta Ma non fidarti ma non vedi che mento aguzzo
9
Am ciòpa antaò bariö e 'm fo fìn'a mal tùssi Mi prende nell'osso sacro e mi fa persino male tossire
10
Pü che di a suöt ai mangévu nèn Più che del semolino non mangiavamo
11
Loc' e mél e loc' e òj par la tus Latte e miele e latte e aglio per la tosse
12
Sa 't büti nén al bartàli si bròji ia stan nén sü Se non metti le bretelle queste braghe non stanno su
13
Lè méj ca 't fòghi in papìn ad farìn'a linòza E' megli che ti faccia un impiastro di semi di lino
14
La chiciòla l'è in lüsu par quaidün La schiacciata di fagioli è un lusso per qualcuno
15
Prümma a iéva moc dal ciculatùn e adàs iè tüti 'l ròbi dal prugràs Prima c'era solo della crema a base di latte,farina e cacao,adesso ci sono tutte le cose del progresso
16
Mangévu moc dal ciapùli sàcchi Mangiavamo solo delle fette di frutta seccata
17
Ai dauzévu tant al fiùr ad sùrfu par a zbundunò Usavamo tanto il fiore di zolfo come purgante
18
Fiùr ad sambür par a scariòsi la tàsta Fiore di sambuco per scaricarsi la testa
19
Iö ancùra mangiò na strìa che das a sla sògnu pü gnanc Ho ancora  mangiato carne di maiale tritata che adesso non se la sognano più nenache
20
Vénta dausò al trösc par ciàrta gént Bisogna usare il bastone per trebbiare per certa gente
21
La cuntrò dla mgnéiza ai gìvu parquà iéva la spisiòri La via della magnesia dicevano perchè c'era il farmacista
22
Sùma bàli a giügn e tra poc sa scürsa la giurnò e d'istò a sn'ho vist poc Siamo già a giugno e tra poco si accorcia la giornata e di estate se ne è vista poca
23
Sicòt e mlun ién bun la so stagiùn Zucchini e meloni sono buoni la loro stagione
24
Cùla ancantòja cl'ho vöja da fo nén  l'è moc bùn'a andò an gigiòle Quella incantata che non ha voglia di fare niente è solo capace di andare a spasso
25
Incö sùma moc ad figüra e dman sùma an sipultüra Oggi siamo solo di figura e domani siamo in sepoltura
26
Sùma pensiunò quindi piùmla balblòt Siamo pensionati quindi prendiamocela calma
27
Antal bujì at büti ancasì al soldalèzu Nel bollito metti anche il timo
28
Vénta bitòji la bìja altrimenti 's cartùn al vo la pìcca Bisogna mettere la stanga altrimenti questo carro si ribalta
29
Antla vìtta vénta sémp ténsi atìv e ànche in poc catìv Nella vita bisogna sempre tenersi attivi e anche un pò cattivi
30
Al méis d'aùst at dévi ténti rambò Al mese di agosto devi essere prudente
31
Ma l'è mìa sémp fàsta Ma non è mica sempre festa
32
L'è nütil ca stògu lì sémp dì dla midàma,l'ho bitòji in bal màni e bén ca 'l vo E' inutile che stiamo a dire sempre le stesse cose,gli ha messo un bel manico e bene che va
33
Iò moj vist l'urtulàn parlò mol dal so vardüri Non ho mai visto l'ortolano parlare male delle sue verdure
34
Vuòrdlu is ciapët,l'è 'ntal so paschët Guardalo quel furfante è a suo agio
35
L'è ùra cla marìu l'ho 'l fö 'ntal camìn E' ora che la maritiamo ,ha il fuoco nel camino (è incinta)
36
Se la viòla la sort ad genòr tén da cünt al paiòr Se la viola esce di gennaio tieni di conto il pagliaio
37
Sa 't ténti ad gnün'i bàndi at sort moj nén  Se non tenti da nessuna parte non ti riesce niente
38
Spors funs e granc tànt a spéndi e 't mòàngi poc Asparagi funghi e granchi tanto spendere e mangi poco
39
Sa 't völi na bàla famìja acmìnsa catò na fìja Se vuoi una bella famiglia incomincia a comperare una figlia
40
Sa ta 'mpégni nén ta vöja da èsi inuìs e fürb Se non ti impegni hai voglia di essere acuto e futbo
41
Gezü ca 't uòrda ad cùla dòna che danàn at barlìcca e daré ta zgrafìgna Gesù che ti guardi da quella donna che davanti ti lecca e di dietro ti graffia
42
Al mulìn a dla Cantaràn'a quànt ca ià l'àua ai mànca la gràn'a e quant ca ià l'àua ai mànca l'àua Il mulino della Cantarana quando ha l'acqua gli manca la grana e quando ha la grana gli manca l'acqua
43
Ta sto frësc acmà na röza cucùn'a Stai fresco come una rosa selvatica
44
Al tìra sü brön e farìn'a Tira su crusca e farina (ne dice di tutti i colori)
45
A t'ho zo na tàsta ad piciòca  Hai già una testa smemorata
46
Na parsùn'a paröc' l'è pròpi scurdòja Una persona così è proprio scordata
47
A trè spòni dal barbaròt ià in ni ad canavàtta cun duj öv e na bacàtta A tre spanne dal mento c'è un nido di cannavetta con due uova e una bacchetta
48
Cul lì vòslu pàrdi ca 's vìza pi gnanc lun cl'ho mangiò iér séria da sén'a Quello lì lascialo perdere che non si ricorda neanche che cosa ha mangiato ieri sera da cena
49
I pës ién nén moc cuj ca i bùccu ién ancasì cuj ca ia spèciu ca i bùccu I pesci non sono solo quelli che abboccano sono anche quelli che aspettano che abbocchino
50
L'ho mangiò in trö ad bògna càuda e pö la rgurghèva brüsc Ha mangiato un truogolo di bagna cauda e poi aveva acidità di stomaco
51
Ia squòrsasoc quan ca tji cöji vénta bitòji 'nti 'n sig'lìn parquà tüc' i böc' a i tròvu lur Le cobite quando le prendi bisogna metterle in un secchiello perchè tutti i buchi li trovano loro
52
An campògna ògni tant sa vghìva di piciurùs In campagna ognitanto si vedevano dei pettirossi
53
Camìllu Bénsu ad Cavùs ùusa la gàmba e zbòrda l'udùr Camillo Benso di Cavour alza la gamba e viene l'odore
54
At guadògni poc sénsa ciulò gnün Guadagni poco senza truffare nessuno
55
Quàn ca ia scuévu la rùza dal mulìn nujòc' matucìn andévu a cöji i amprè ca sa scundévu 'ndin al tòli Quando asciugavano la roggia molinara noialtri ragazzini andavamo a prendere le lamprede che si nascondevano nelle latte
56
As'ciùma al mol ca tòca e pö vghirùma Aspettiamo il male che attacchi e poi vedremo
57
I sold e l'öli a ién ma l'amicìsia partquà i vén'a sémp a gòla I soldi e l'olio sono come l'amicizia perchè vengono sempre a galla
58
Antà ca ia cmmòndu an tand as fo pòca stro Dove comandano in tanti si fa poca strada
59
La parsùn'a edücòja quan ca la béiv al vö nén sübit al bicér La persona educata quando beve non vuota subito il bicchiere
60
Sa 't cunfìdi in sagràt a l'è cma ca't l'éisi püblicòlu Se confidi un segreto è come se lo avessi pubblicato
61
Al vin a l'è acmà l'amùr la scàuda la tàsta e 'l cör Il vino è come l'amore scalda la testa e il cuore
62
Carvòr l'éra fàsta grànda ia sparévu fìn'a i caciacàn Cannevale era festa grande sparavano persino i petardi
63
Ancénti sa giànna cun al pèciu e dàusa ancasì la cnatta Pettinati questa capigliatura e adopera anche la pettinina
64
L'ho andò bén che tüti cùli buzatti iàn agnì a co e pö iàn foc' tànta marsàn'a E' andata bene che tutte quelle pustole sono andate in supporazione e poi hanno fatto tantao pus
65
Al nòsti nòni ai févu l'alsìa Le nostre nonne facevano il bucato sotto la cenere
66
A l'ho ambardòlu bén ca 'l tribülléva fìn'a andò nan Lo ha vestito di tutto punto che faticava persino ad andare avanti
67
Cul povr'om a l'ho scampòla bàla a l'éva quaicòs antl'ambulìn e pöj iàn truòji n'àrnia ambulimòira Quel poveruomo l'ha scampata bella aveva qualcosa nell'ombelico e poi gli hanno trovato un'ernia ombelicale
68
La s'céva la lün'a bùn'a par ambutiò anvéci l'ho beivìlu prüma Apettava la luna buona per imbottigliare invece l'ha bevuto prima
69
L'ho stoc' bun antrifulòsi lì din ancùra so E' stato capace di intrufolarsi lì dentro meno male
70
L'éra moc bun fo di arvitaròli Era solo capace a fare delle capriole
71
Ai rìva la stagiùn fràggia e al mè tgnòli ai triùnfu Arriva la stagione fredda ei miei geloni trionfano
72
Prüma s'andéva arzontò i ròbi 'ntla rùsa Prima si andava a risciaquare le reobe nella roggia
73
L'è zo na squòdra dl'azì brüsca E' già una squadra da poco
74
Ma i bòsta na  augiò ad fil par rangiò sulì Basta una punto di filo per aggiustare quello lì
75
Iàn ancù nén mort e i còtu zo l'astüc' Non sono ancora morti e comperano già il loculo
76
An cuj tiröt ià na babilònia In quei cassetti c'è una babilonia
77
Lo din iò mos dla ròba dla bajòn'a Là dentro c'è solo della roba da poco
78
Va nan cl'ho zo na bàla baséja Ma va là che ha gia un bel mento pronunciato
79
In batént paröc' ai dròca nén ad sicür la vòlta 'n tàsta Un girovago così non gli cade di sicuro la volta in testa
80
S' anc'néva ancùra cun al bìgu acmà ca i févu 'l dòni dna vìra Si pettinava ancora con i capelli raccolti come facevano le donne di una volta
81
As dis ca l'è in bucalùn iün ca 'l cröd tüt lun ca i dìzu Si dice che è un pesce persico uno che crede tutto quello che gli dicono
82
I ho foc' tant camà 'ntla mè vìtta ma iè mòi gnün ca 'l vànsa nèn Ho fatto tanti debiti nella mia vita ma non c'è mai nessuno che avanza qualcosa
83
Is matùn cun al fìji ai von zo an campuràl ma l'è ancùra bunùra suquì Questi ragazzi con le ragazze vanno già in camporella ma è ancora presto questo qui
84
Sùma nén bun anténsi l'è zo na bàla cansùn dla malantéiza Non siamo capaci a intenderci è già una bella canzone della malintesa
85
I cirigöt  a dna vòta ai cantévu e i purtévu la crus I chierichetti di una volta cantavano e portavano la croce
86
Fìtti nén ad cullì al fo moc di capugnùn Non fidarti di quello lì fa solo dei rammendi male eseguiti
87
T'è moj bun parlòji ansàma ià sémp tanc' cianfrìn da fo Non sei mai capace di parlargli insieme ha sempre tante cosette da fare
88
L'ho sémp ciaputò ma a so mòdu as rangéva Ha sempre lavoricchiato ma a suo modo si arrangiava
89
Cùla dòna l'è pés che na prèja piòta a l'è fìn'a ciaplìn'a Quella donna è peggio di una pietra piatta è persino senza seno
90
Quan ca ià la crivàla tüta la ròba l'è or Quando c'è la miseria tutta la roba è oro
91
Tüta sa ròba da mangiò fa che bitòla 'ntal crutìn Tutta questa roba da mangiare fa che metterla nel sottoscala
92
L'è zo in bal crüsi satlì E' già una bella lagna quello,lì
93
I nöc' vèc' quan ca iéru 'ngagiò ai piévu in cügè ad cramurtòl e vìa ca i andèvu I nostri vecchi quando si erano ingozzati prendevano un cucchiaio di cremo tartaro e via che andavano
94
I meisdabosc iévu tüc' al so crijùn par marcòsi ia mzri I falegnami avevano tutti la loro matita per segnare le misure
95
Al dòni mudèrni iàn pi nén sa fo dal croc Le donne moderno non sanno più che cosa fare dell'uncinetto
96
Nadòl pi che dal cüchìji e castògni biànchi iéra nén A Natale più che arachidi e castagne sbucciate non c'era
97
Iéra na catàrva 'd ròba sut cùla travò C'era una caterva di roba sotto quella tettoia
98
A l'ho ciapò na cöcia 'd cùla dòna ca iéra nén al mérit Ha preso una cotta per quella donna che non c'era il merito
99
Na cumbrìcula ca 'm tuchéva sémp ghignò da s'ciapüs Una conbriccola che mi toccava sempre ridere a denti stretti
1200
Quàn ca iéra 'l fàsti bàli an févu 'l ciculatùn e iéra finìa lì Quando c'erano le feste grandi ci facevano la torta di cioccolata ed era finita lì