5 Cul fiùr giald audio Quel fiore giallo

Ancö, ot ad giné, alíè al dì che iàn i cunpìs,
Ai sun tanc', e sun luntàn dal mè cit paìs.
Luntàn dal mè campanìl, díla céza, dài rizéri,
Luntàn dla nèbia ch iè quàzi tüti i séri.

Ma sun ansèma ti, e sun pròpi tant cuntént:
Paség' an rìva al mar cun la man antla to man,
I vard al sul ca la scumparìs antin mumént
Speràd da vardèu sòrti, cun ti, ànca dumàn.

***
 *
***

A líè tant témp che iu cugnusìti, ma zmìa iér
Quànd i iù purtàti antla Casìn'a dal Cavaiér:
Carìn'a, tìmida ad vardàvi antùr tüta spaizà,
E mi iù dàti an fiùr giàld che bèli lì iù rabaià.

Quànd i sun zü ad còrda péns a ti cun cul fiùr,
E al mar, an muntàgna, an pianüra, a San Giarmàn,
La vìta la pìa an tin mumént tüc' ai so bèi culùr, 
E an vén vòia da stè con la man antla to man.

Oggi, otto gennaio, è il giorno che compio gli anni,
Sono tanti, e sono lontano dal mio piccolo paese,
Lontano dal mio campanile, dalla chiesa, dalle risaie,
Lontano dalla nebbia che cíè quasi tutte le sere.

Ma sono con te, e sono veramente tanto contento:
Passeggio in riva al mare con la mano nelle tua mano,
Guardo il sole che scompare in un attimo,
Sperando di guardarlo nascere con te anche domani.

***
 *
***

Eí tanto tempo che ti ho conosciuta, ma sembra ieri
Quando ti ho portata alla Cascina del Cavaliere:
Carina, timida ti guardavi attorno tutta spaesata,
E io ti ho dato un fiore giallo che ho raccolto sul posto.

Quando sono scoraggiato, penso a te con quel fiore.
E al mare, in montagna, in pianura, a San Germano.
La vita riprende in un attimo tutti i suoi bel colori,
E ho voglia di stare con te con la mano nella mano.