3 A t'è razùn audio Hai ragione

Cara mè Auzìlia, t'è pròpi tuti i razùn.
Nù fac mài jüna giüsta al mund!
I scriv an lìbar? A l'è tüta ambisiùn!
I fac gnénti dal tüt? I sùn in vagabùnd!

I sùn ad mània làrga? La gént  an rispùnd:
A t'è tanc' sold ad pödi fé nca la zgarùn!
I sùn parsimuniùs? O Signùr che avarùn!
I darìa gnànca n lirìn a an muribùnd!

I sùn invità a mangé? I sùn na scrucùn!
I stac tranquìl? I völ nén al cunfrùnt!
I dic la mìa? I fac sémp la spacùn!

Quàzi sarìa méi nài n bèl cretìn,
O andé fé al barbùn sùta in punt,
E piantè tüt: baràca e i büratìn!
 


Cara mia Ausilia, hai sempre ragione.
Non ne faccio mai una giusta al mondo!
Scrivo un libro? E tutta ambizione!
Faccio nulla? Sono un lazzarone!

Sono generoso? La gente risponde:
Hai i soldi puoi fare lo sprecone!
Sono parsimonioso? O Signore che avaraccio!
Non darebbe nemmeno una lira ad un moribondo!

Sono invitato a mangiare? Sono uno scroccone!
Sto tranquillo? Non voglio confrontarmi!
Dico la mia ragione? Faccio sempre lo spaccone!

Quasi sarebbe meglio nascere un bel cretino, 
O andare a fare il barbone sotto un ponte,
E piantare tutto: baracca e burattini!