1




Settembre 1798           
 Settembre 1798                                                      audio off-line

La de st
e a ntte a la coda,
u m pize u durmiva.
Silensiu de borche in sci spiaggia
e rmme aps
dppu a psca abundante.
Gha a la cue stlle
e i figi sasnvan
ttti i zghi du giurnu
pirati
indini
trentn.
E figtte strenzivan bugatte
e dau lau gha a mamma c babbu.
Tttasmme finisce lincantu.
I pirati nu en ci intu snnu,
en vegni pe destrgge stu pize,
en vegni scangi a s stria.
Sulu pua inti ggi de ttti,
sulu centu de dnne
de mmi.
I pirati sai pgian
e sai prtan luntan
cue s borche vilicche.
Nu l fua che ve cuntu,
u l n fetu sucessu.
L pasu tanti anni
ma gni tantu ghe pensu.
Quanti belli regalli
u nha fetu stu m,
qulla ntte
u ci sussu.

Era estate
e la notte era calda,
il mio paese dormiva.
Silenzio di barche sulla spiaggia,
i remi posati
dopo la pesca abbondante.
Cera la luna con le stelle
e i bambini sognavano
tutti i giochi del giorno
a pirati,
a indiani,
a nascondino.

Le bambine stringevano bambole
e accanto cera la mamma col babbo.
Allimprovviso finisce lincanto:
i pirati non sono pi nel sogno,
sono venuti per distruggere questo paese,
sono venuti a cambiare la sua storia.
Solo paura negli occhi di tutti,
solo pianto di donne
di uomini.
I pirati se li prendono
e se li portano lontano
con le loro barche vigliacche.

Non favola che vi racconto,
un fatto successo.
Sono passati tanti anni,
ma ogni tanto ci penso.
Quanti bei regali

 ci ha fatto questo mare,
quella notte
il pi brutto.


           
         Margherita Crasto