video off-line 

Signor lo Re, quand l’è stait la -Baron 
Litron, coma la và-la? - Sta maladia j'è da 
murì, j'eu pi speransa de goarì. 

Signor lo Re sa j'à bin dit -Baron Litron 
fate corage: mi te dareu d'l'òr e d'l'arzan, mi 
te fareu Prim General. 

- Ò s'à j'è pa ne òr ne arzan,che mai la mòrt 
l'àbia për scuza. J'è pa ne re ne general che 
mai la mòrt n’àbia risguard. 

- Baron Litron, s't'ài da murì, ò veus-to nen 
che ti batezo? Faria vënì 'l vësco 'd' Turin, 
mi servirìa për tò parin. 

Baron Litron sa j'à bin dit - Sia ringrassià 
vòstra coron-a. Mi peuss mai pi ruvé a tant: 
ò bon barbet, ò bon cristian. 

Sua maestà il Re, quando fu là - Baron Litron, 
come và? - Questa malattia mi farà morire, non 
ho più speranza di guarire. 

Sua maestà il Re gli ha detto - Baron Litron fatti 
coraggio: io ti darò dell'oro e del danaro, ti 
nominerò Primo Generale. 

- Né oro né danaro possono essere di scusa per la 
morte, né la morte ha mai avuto riguardo per re o 
generali. 

- Baron Litron, se devi morire, non vuoi essere 
battezzato? Farei venire il vescovo di Torino, io 
ti farei da padrino. 

Baron Litron gli ha ben detto - Sia ringraziata la 
vostra maestà, ma io non posso arrivare a tanto: o 
buon protestante o buon cattolico.

An drin Turin sa j’è dij cont, sa j’è dij cont e dele dàime, e dele dàime e dij baron, pianzo la mòrt d’ Baron Litron. 

Signor lo Re, quand l'à savù ch’ Baron Litron l'era malavi c'manda caròsse e carossé Baron Litron l'è andà trové. 

Quand l'è ruvà a Madona dl’Olm, prima d’intré 'nt la sità d’Coni, toco trombëtte, sparo i canon, për ralegré Baron Litron. 
 



 
 
 
 
 
 

A Torino ci sono conti, ci sono 
conti e dame,  conti
dame e baroni piangono la morte 
di Baron Litron. 

Sua maestà il Re, saputo che
 Baron Litron era ammalato, ordina che si apprestino carrozze e cocchieri per
 andare a trovare Baron Litron. 

Appena giunto a Madonna dell'Olmo,
 prima di entrare nella città di Cuneo, suonano le trombe, sparano i cannoni, 
per rallegrare Baron Litron.
 




 
 
 
 
 
 
 
 
 

-Ò di-me ën pòc, Baron Litron, ò ënduva 
veus-to ch 'a t' sotero?
Ti fareu fé na càssia
d’òr, ti fareu
 fé d’ën grand onor.

- Mi l'eu lassà për testament, ch’a mi
sotero
an val d’Luzerna;
an Val d’Luzerna a m’
sotraran,
ënduva 'l me cheur s’arpòza tant. 

A l’è spirà Baron Litron, pioré, baron, pioré 

voi dàime, soné le ciòche sparé i canon, 

ch’a l’è spirà Baron Litron! 



 
 



 
 

 

- Dimmi un po', Baron Litron, dove
vuoi essere  sepolto?
 Ti farò fare una bara d'oro, ti farò 
tributare un grande onore. 

Ho lasciato per testamento che mi seppelliscano  in val Luserna;
mi sotterreranno   in val Luserna,
e  là il mio cuore troverà riposo. 

Baron Litron è spirato, piangete baroni, piangete 
voi dame, suonate le campane, fate sparate i cannoni
che è spirato Baron Litron