02  La vita ch a s arpia e s arneuva  audio La  vita che  riprende  e si  rinnova 

Da na sman-a l Sul a l ha già prope cuminsà a scaudé, Ranin-a as dësvìa, ant lë scür  tëbbe d sua tan-a a ciama cun vus gentil Ranot che a deurm ancura: Dësvij-te  i sentu già leva ch a scur ant ël foss visin a nui, al sul ëd primavera a dev esse già caud, i pensu ch a sia ura d seurte e ndé a serché quaiche cosa da mangé.

Da una settimana il sole ha già veramente cominciato a riscaldare, Ranetta si sveglia, nel buio tiepido della sua tana, chiama con voce gentile Ranotto che dorme ancora: svegliati, si sente già lacqua che scorre nel fosso vicino a noi, il sole di primavera dev essere già caldino, penso che sia ora di uscire e di andare a cercare qualche cosa da mangiare; 
 Ranot as fërta j euj a stira le sue piote, peui sicür d esse dësvij, a fa n basìn a sua Ranin-a e a pensa ch a l é ura d preparé la sürtìa, a prepara le ungëtte dle sue piote e ancamin-a a scavé cula tera ch a l avia anmücià quandi che a jeru intrà ant la tan-a qualche mèis prima. Ranotto si stropiccia gli occhi, stiracchia le sue zampette, poi certo di essere sveglio, da un bacino alla sua Ranetta e pensa che sia ora di organizzare l uscita,  prepara le unghiette  e comincia a scavare quella terra che avevano ammucchiato quando erano entrati nella tana qualche mese prima.
 Adess a fan la strà vers la lus, Ranot a scava, Ranin-a a porta andré la tera e pian pian a van vers cula cansun d alegria ëd l eva ch a canta ant la ciüsa ch a l avìu vist a poca distansa dal post andua cha l avìu cuminsà a scavé sua tan-a. Adesso fanno la strada verso la luce, Ranotto  scava, Ranetta porta indietro la terra e pian piano  vanno verso quella canzone d allegria dell acqua che canta nella chiusa che sapevano a poca distanza dal punto nel quale avevano cominciato a scavare la loro tana.
Ancura poche minüte, le ültime zampà, peui a l han duvü saré j euj për la lüss abagliant  dël Sul cha së speciava nt l eva dal foss.
       Che spetacul ! l eva ciaira cha cantava, j ersuj già  quatà da n mantel d erbëtta vërda e an mes, tante cite fiurelin-e cha splendìu al sul, Ranot e Ranin-a a l han nèn savü resiste a tanta tentassiun, a l han dasse man e a l han fait an gran saut ant le undine dal foss, a jë smiava gnanca vera, dop tant tèmp an cula tan-a d esse turnà a vive ant lë splendur ëd la natüra
Ancora pochi minuti, le ultime zampate, poi hanno dovuto chiudere gli occhi per  un po alla luce abbagliante  del Sole che si specchiava nell acqua del fosso.
       Che spettacolo! l acqua chiara che cantava, gli argini già  coperti da un manto di erbetta verde ed in mezzo, tanti piccoli fiorellini che splendevano al sole, Ranotto e Ranella non hanno saputo resistere a tanta tentazione, si sono dati la mano ed hanno fatto un gran salto nelle ondine limpide del fosso, non gli sembrava neppure vero, dopo tanto tèmpo in quella tana d essere tornati a vivere nello splendore della natura.
  Adess però për ripiesse a ventava prucüresse d mangé bundus, e alura, sensa perde tèmp, subit a l arserca d quaiche fujulin-a tënnra, quaiche vermicin , quaiche bestiulin-a, secund la lege üniversal ëd la natüra. 
       Na volta ripiasse da la lunga astinenza e dal ripos fursà invernal, Ranin-a e Ranot, a l han sentü l arciam  dal rinuvesse dla vita e secund  al natüral urdin dal creà, Ranin-a a lha trovasse ant le cundissiun cume tüte le creature dla sua Specie ëd buté giü na bela quantità d euv për  fé cuntinué la cunservassiun ëd la rassa.
Adesso però per riprendersi era necessario procurarsi un abbondante pasto e dunque, senza perdere tempo, subito alla ricerca di qualche fogliolina tenera, qualche vermicino e bestiolina dei prati, secondo la legge universale della natura. 
       Una volta ripresisi dalla lunga astinenza e dal riposo forzato invernale, Ranella e Ranotto, hanno sentito il richiamo del rinnovarsi della vita e secondo il naturale ordine del creato, Ranella si è trovata nelle condizioni, come tutte le creature della sua Specie di deporre una bella quantità di uova per  la continuazione e la conservazione della razza.
  A lha sercà n cantun tranquil ant al foss apopré visin a cul büsun andua cun Ranot a l aviu fait sua tan-a, ndua l èva a l era pi calma e d cunseguensa  n poc pi cauda e peui a lha sëmnà na senten-a d euv , che dop  quaiche di a l han fait seurte tante cite creatüre, ma prope cite, che lèva a pudìa disperde e purtessie via.        Natüralment la natüra a pruvëdì a regulé tüte le cose e dop quaiche di, suta a la survegliansa d Ranin-a a lhan cuminsà a chërse, an prinsipi a smiavu mac na testa cun tüta na cuva, peui subit dop a la testa, a l ha slargasse n poc na pansëtta, sempe cun la cuva, a j eru cule bescëtte che j omu a  ciamu girin. Ha cercato un angolo tranquillo nel fosso pressapoco vicino a quel cespuglio dove con Ranotto avevano fatto la loro tana, dove l acqua era più calma e di conseguenza un po più calda e poi ha seminato un centinaio di uova dai quali, dopo  qualche giorno sono schiuse tante piccole creature, ma proprio piccole, che lacqua poteva disperdere e portarsele via.
        Naturalmente la natura  provvede a regolare ogni cosa e dopo qualche giorno, sotto alla sorveglianza di Ranetta hanno cominciato a crescere, in principio sembravano solo una testa con tutta una lunga coda poi, passato qualche giorno, subito dopo alla testa, ha cominciato ad allargarsi un po una pancetta, sempre con la coda, erano quelle bestioline che gli uomini chiamano girini.
Dop quaiche di, antant che Ranin-a e Ranot as ripusavu al sul ëzura na feuja ans l ersul dël foss, visin ai girin, a l han sentü n gran rumur e a l han vist passeje lì visin an gross tratur cun darera na lunga lama lüsenta che spassand andrinta a l èva, a spianava l terén cun an ribeuje fangus.
        Al di dop, a la matin prest, n autr tratur a lha fait tremulé fin-a l büssun d sales, sta volta pendüa darera a l avìa na machina cha spandìa ij granelin d ris da sëmna.
        A la sèira a turnava finalment la calma; peui quaiche di d tranquillità,e n poc a la volta l èva a l avìa sciarisse, a l era chërsüa n poe da cule gran-e cascà ant la risera a l avìa sübit sürtije n cit büt vërd, che an pochi di a lha slungasse fin-a a rivé a fiur dèva.
Dopo qualche altro giorno, mentre Ranella e Ranotto si riposavano al sole sopra ad una foglia sull argine del fosso, vicino ai girini, hanno udito un gran rumure ed hanno visto passagli lì vicino un grosso trattore con dietro una lunga lama lucente che passando avanti e indietro dentro  all acqua, spianava il terreno con un ribollire fangosso.  Il giorno dopo, la mattina presto, unaltro trattore ha fatto tremare anche il cespuglio di salici; questa volta appesa dietro aveva una macchina che spandeva i granellini di riso da semina.
              Alla sera tornava finalmente la calma; dopo qualche giorno di tranquillità, un po alla volta l acqua si era schiarita, era cresciuta un po e da quei granelli caduti nella risaia erano subito spuntati dei piccoli germogli verdi, che in pochi giorni si erano  allungati fino ad arrivare a fior dacqua. 
 A cula mira Ranin-a a l ha cuminsà a spieghé quaicosa dla vita a tüti ij sò girin, a lha racumandaje a tüti da sté visin, tüti ansema, da nèn andé anduva l èva a curìa trop; ma cume n tüte le famije dcò ant la sua a ij na jera quaicün cume cuj cit bülèt an poc pi agità e disübidient che peui as na tiru da press tanti d autri.
        A lera inütil che Ranin-a as disperèisa a ciameje, tanti d cuj cit a l avìu truvà divertimènt a ndé visin a la ciüsa e a campesse giü ant la curent ëd l èva  ch a së spandìa sla pian-a për alimènté la risera, për peui aluntanesse sempe d pì, sensa pensé ch a saria stait dificil turné visin al rest  ëd la famija.
 A questo punto Ranella ha cominciato a spiegare qualche cosa della vita a tutti i suoi girini, ha raccomandato a tutti di stare vicino, tutti assieme, di non andare dove l acqua correva troppo; ma come in tutte le famiglie anche nella sua ce nera qualcuno, come quei piccoli bulletti un po piu agitati e disubbidienti che poi se ne trascinano dietro tanti altri.
        Era inutile che Ranella si disperasse a chiamarli, tanti di quei piccoli avevano trovato divertimento ad andare vicino alla chiusa e a buttarsi giù nella corrente dell acqua  che si spandeva sul piano per alimentare la risaia, per poi allontanarsi sempre di più, senza pensare che sarebbe stato poi difficile  tornare vicino alla famiglia.
 Ma dop qualche di d calma, a lera turna ura d vëdde nautr tratur, ma stavolta a smijava la fin dël mund, darera a l avìa na lunga cana për travers, ch a sprüssava na nüvula d gussulin-e cha spüssavu e ch a fasìu brüsè j euj e la gula e a l han fait ven-e mal testa a tüte cule creatüre d campagna ch a sun sentüsse mal për tüt al di, a l era l disèrbant për fé meure l èrba.
        Chissà che spavènt , për cui cit girin spërdü për cula risera, a l han pensà mama Ranin-a e papà Ranot, ma a l era ancora nèn finìa. 
         A la sèira a l han pi nèn sentü canté l èva che a sürtìa da la ciüsa e a  cascava giü nt la risera, ma a sun bütasse tuti a ripusé sensa pensé al përché. 
       A la matin dop, a sun ancurgiüsse che l sul a së speciava pi nèn ans l èva e  vardand la risera a l han vist-la süita. 
Dopo qualche giorno di calma, era nuovamente ora di vedere unaltro trattore, ma questa volta  sembrava la fine del mondo, dieto aveva una lunga canna per traverso, che spruzzava una nuvola di goccioline che puzzavano e che facevano bruciare gli occhi e la gola ed hanno fatto venir mal di testa a tutte quelle creature di campagna che si sono sentite male per tutto il giorno, era stato leffetto di quel liquido spruzzato che era diserbante.
        Chissà che spavento, per quei piccoli girini sperduti per quella risaia, hanno pensato mamma Ranella e papà Ranotto, ma non era ancora finita; 
         Alla sera non hanno più sentito cantare l acqua che usciva dalla chiusa e cadeva giù nella risaia, ma si sono messi tutti a riposare senza pensare al perché. 
         Al mattino dopo, si sono accorti che il sole non si specchiava più sull acqua e  guardando la risaia l hanno vista asciutta,
Ranin-a e Ranot a lhan vardà desulà cula destèisa d tèra e d èva sporca e pensand ai tanti sò girin pen-a nà, che quaiche di prima a l avìu vedü aluntanesse e che adess a jeru cunvint ad mai pì vëdde turné, a sun vardasse, a lhan sarà jeuj për fermé le lacrime, peui a sun vultasse e sercand an poca d cunsulassiun a sun calà nt lèva dal foss ansema a j autri sò cit cha jeru restà cun lur e che ant j ültim di a jeru diventà propi bei, vërd cume mama e papà, a l avìu perdü la cua antant ch a ja spuntavu le piutin-e, e a l avìu cuminsà a craché cun na vusin-a ch a purtava alegria.  Ranella e Ranotto hanno guardato desolati quella distesa di terra e dacqua sporca e pensando ai tanti loro girini appena nati, che qualche giorno prima avevano visto allontanarsi e che ora erano convinti di veder mai più ritornare, si sono guardati, hanno chiuso gli occhi per non far vedere le lacrime, poi si sono voltati e cercando un podi consolazione sono scesi  nell acqua del fosso assieme agli altri figlioli che erano rimasti con loro e che negli ultimi giorni erano diventati proprio belli, vèrdi come mamma e papà, avevano perso la codina mentre gli si erano formate le zampette, ed avevano cominciato a gracidare con una vocina che portava allegria.
Dop qualche di a lhan turna sentü l èva canté nt la ciüsa, calé nt la risera e alura Ranin-a, Ranot e tuti ij Ranin e Ranin-e dla famija a lhan vardà vèrs leva cha inondava la risera ant la speransa d vëdde ancura qualche autr fratelin ëspunté an mes a le cite piantin-e d ris, ma pürtrop la mancansa d l èva an cui di, a lavia segnà l destin ëd tüti. 
      Cul a lera l destin disegnà da la natüra, Ranin-a e tüta  sua famija a l avìa duvüsse rassegné. 
      Dop quaiche sman-a, na sèira quandi che l sul ëd j ültim di d primavera al  tramunt, andurava l èva dle risere tüt anturn, a pitürand le muntagne luntan-e  e la natüra a splendìa cume n grand quader ecessiunal.
Dopo qualche giorno hanno di nuovo udito l acqua cantare nella chiusa, scendere nella risaia e allora Ranella, Ranotto con tutti i piccoli Ranocchi e Raganelle della famiglia hanno guardato verso quell acqua che inondava la risaia nella speranza di veder ancora qualche altro fratellino spuntare in mezzo alle piccole piantine di riso, ma purtroppo la mancanza dell acqua in quei giorni, aveva segnato la loro fine. 
       Purtroppo quello era il destino disegnato dalla natura, Ranella e tutta la sua famiglia si era dovuta rassegnare,  dopo qualche settimana, una sera quando il sole di fine primavera, al  tramonto, indorava l acqua delle risaie tutt attorno, dipingendo le montagne lontane  e la natura  splendeva come un gran quadro eccezionale; 
Ranin-a e Ranot a lhan radünà ij tanti ranin e  ranin-e ch a jeru restà cun lur, sü na spiass tüt  fiurì visìn a cul büssun ëd sales, ch a lera diventà l riferimènt për truvesse për tüta la famija a la qual a l avìu giuntasse për la seirada tanti grij e üslin, ampruvisand an gran cunsèrt cun tüte le vus fin-e e greve, ch as sentu distà lung le stra d campagna, a l han festegià l avzinesse dla stagiun  cauda cha lavria fait diventé grande tüte cule neuve creatüre, che a l avrìu cuntinuà la faula  grandiusa dël rinuesse dla vita.  Ranella e Ranotto hanno riunito i tanti loro Ranocchi e  Raganelle che erano rimasti con loro, in quello spazio tutto fiorito vicino a quel cespuglio di salici, che era diventato il riferimento per ritrovarsi per tutta la famiglia alla quale si erano uniti per la serata tanti grilli ed uccellini ed improvvisando un grande concerto con tutte le voci acute e grevi, che si sentono destate lungo le strade di campagna, hanno festeggiato l avvicinarsi della stagione  calda che avrebbe fatto diventare grandi tutte quelle nuove creature, che  avrebbero continuato la favola  grandiosa del rinnovarsi della vita.
La lün-a ch a spuntava a l avìa trassà ans l èva na  larga riga argentà travers tüte le risere e speciand-se prope lì, visin a cul ëspiass fiurì d mila culur, anduva le margritin-e a cuminsavu a saré sue curun-e për ripusesse, a lha fermasse a scuté cula cansun dussa, cha fasìa sugné d passiun e nustalgia.   La luna che spuntava aveva tracciato sull acqua una  larga scia argentata attraverso tutte le risaie e specchiandosi proprio lì, vicino a quello spiazzo fiorito di mille colori, dove le margheritine cominciavano a chiudere le loro corolle per riposarsi, si è fermata ad ascoltare quelle dolci canzoni, che facevano sognare di passione e di nostalgia.