audio
La stòria dal Michéle La storia del Michele
Alùra,quànd che iàva vint àni im vis che iù ndà a La Spezia ansèma al zìu Vincéns,e iùma ndà ntla so màta ca la stàva là e iù stac quìndas dì.Antal fratémp,al dopdiznà i ndàvu par andè nsla spiàggia e iéra l tramvàj,difàti iéra l tramvàj dabùn parchè esénd al port a La Spezia a vantàva andà fòra e lùra ntrarmént chi séru là chi sciàvu l tamvàj a iéra n pulisiòt  e mi iù vardàji dos e iù dit tacà mè cüzìna: Allora,quando avevo vent'anni mi ricordo che sono andata a La Spezia insieme allo zio Vincenzo,e siamo andati a casa di sua figlia che stava là e sono stata quindici giorni.In quel tempo ,al pomeriggio andavamo per andare sulla spiaggia e c'era il tramwai,infatti c'era il tramwai davvero perchè essendoci il porto a La Spezia bisognava andare fuori e allora intanto che eravamo là che apettavamo il tramwai c'era un poliziotto e io l'ho guardato e ho detto a mia cugina:
"Oh Doménica, che bèl mat,chi sa se lu cugnòs o no deh, mi t cünt la stòria che bèl mat, chi sa prìma da ndà ca se lu cugnòs o no,mah,sperùma!Difàti iùma pià l nos tramvàj,iùma rivà nsla spiàggia e pö iùma bütàsi...iùma ndà fa l bagn e pöj séru là , antarmén chi séra là chi lezìva n giurnàl e  àus i öc e i vög cul lì e lha dìmi : "Oh Domenica,che bel ragazzo,chi sa se lo conosco - deh,io ti racconto la storia - che bel ragazzo ,chi sa prima di andare a casa se lo conosco o no,mah,speriamo! Infatti abbiamo preso il nostro tramwai,e siamo arrivate sulla spiaggia e poi ci siamo messe...siamo andate a fare il bagno e poi eravamo là,mentre ero là che leggevo un giornale e alzo gli occhi vedo quello lì e mi ha detto:
Signorìna è suo quel giornalìno? E mi iù dic Mè lha fac vëgmi cël.As vëg chemè che mi iù capì ca iéra cël e cël e difàti da ntlùra iùma... la séra lha sübit ciamà,iùama ndà spas e tüte pö quànd che iù finì cuj quìndas dì iù gnì ca  e pö iùma scrivìsi par in poc e pö iùma lasà pèrdi.Dop duj o trè agn , na sérain dì mè zìu al vén Varséj e l va la Crus Màlta. "Signorina è suo quel giornalino?"E io ho detto "Come ha fatto a vedermi lui.Si vede che... come io ho capito che era lui...e lui...e infatti da allora abbiamo...alla sera ha subito chiesto,siamo andati a spasso e tutto...e poi quando ho finito quei quindici giorni sono venuta a casa e poi ci siamo scritti per un pò e poi abbiamo lasciato perdere.Dopo due o tre anni,una sera...un giorno mio zio è venuto a Vercelli e va alla Croce di Malta.
 La Crus Malta e méntre mè zìu lentràva e iéra is mat ca la gnìvaal Michéle ca la gnìva fòra e lùra iàn salütàsi parchè s cugnusìvu e lha ciamàji "... la Silvàna che fin ca lha fac..." e tüt e mè zìu lha dit Ma la Silvàna lè ncùra lì,è nén fidansàja ,lè nén dal tüt lha dic Alùra ca i dìga che mi sun qui Varséj,admàn se la völ agnì i lu spèc la coriéra e difàti lè gni ca lè dìmlu e mi,dàtu ca m piazìva,iù dìgliu d mè màma e d mè papà e iu gnì Varséj e difàti iùma ncuntràsi,iùma ndà l cìnema e pö mi la séra iu gni ca e cël lha ndà zü ntal meridiùn parchè léra an sarvìsi a Rùma datu ca léra  pulisiòt. La Croce di Malta e ...mentre mio zio entrava e c'era questo ragazzo che veniva...il Michele che veniva fuori e allora si sono salutati perchè si conoscevano e gli ha chiesto"La Silvana che fine ha fatto..." e tutto e mio zio ha detto "Ma la Silvana è ancora lì,non è fidanzata,non è niente del tutto" ha detto"Allora le dica che io sono qui a Vercelli,domani se vuole venire la aspetto alla corriera..." e infatti è venuto a casa me l'ha detto e io,dato che mi piaceva,glielo ho detto a mia mamma e mio papà e sono venuta a Vercelli e infatti ci siamo incontrati,siamo andati al cinema e poi alla sera sono venuta a casa e lui è andato giù nel meridione perchè era in servizio a Roma dato che era un poliziotto.
Pö lha stàit ca fìna l méis ad favrà,pö l méis ad favrà lè gni Varséj,mi iu gni sciàlu cun la coriéra pö iùma ndà ca e iù prezentàgliu mè papà e mè màma.Pö iùma frequentàsiiùma scrivìsi par in an o què,pö cël lha ciamà l trasferimént,a lha gni Varséj e dop sinc méis o sésdal sinquantòt sèt davrì iùma spuzàsi e la nòsa stòriai cardìva nén... generalmént ai dìzu che quànd... che nsùma si cunusénsi dal mar o què lè difìcil ca i vàgu finì bén e nvéci par mi a lha ndaansùma, lha finì pròpi bén.E iùma stac quarantaquàtr àni ansèma e pö pürtròp lha mancà e vìa. La stòria la sarìa cùsta. Poi è stato a casa fino al mese di febbraio,poi al mese di febbraio è venuto a Vercelli,io sono venuta ad aspettarlo con la corriera poi siamo andati a casa e io l'ho presentato a mio papà e mia mamma.Poi ci siamo frequentati...ci siamo scritti per un anno o circa,poi lui ha chiesto il trasferimento,è venuto a Vercelli e dopo cinque mesi o sei...nel cinquantotto ..sette di aprile ci siamo sposati e la nostra storia ...non credevo...generalmente dicono che quando...che insomma queste conoscenze del mare o circa è difficile che vadano a finire bene e invece per me è andata...insomma,è finita proprio bene.E siamo stati quarantaquattro anni insieme e poi purtroppo è mancato...e via.La storia sarebbe questa.